”paginesi”/
+39 040 392675 info@speedycasatrieste.it

5 consigli per evitare l’intasamento del lavandino

La cucina è, senza dubbio, il centro focale della casa. Ne consegue che lo stesso sia caratterizzato da un copioso utilizzo dei suoi componenti, elettrici e non. Tra le cose più fastidiose in questo ambiente c’è, sicuramente, l’ostruzione del lavandino, elemento cardine in ogni cucina che si rispetti. Per evitare che questo si possa danneggiare, in seguito a cattive abitudini, è bene seguire alcune basilari regole di condotta che possono garantire al lavello una vita lunga e in ottimo stato.

1. No ai fondi del caffè

Trieste è la città del caffè ed  accade di frequente che i fondi del caffè vengano gettati all’interno del lavandino. Questo modo di agire è frutto, probabilmente, dell’erronea convinzione che gli stessi siano idrosolubili. Al contrario, i fondi del caffè possono provocare l’intasamento del lavandino, creando un ingorgo che, di fatto, impedisce una buona gestione della cucina.

2. Attenzione agli alimenti, anche se biodegradabili

Un’altra credenza sbagliata riguarda gli alimenti in generale. La loro biodegradabilità, infatti, non va associata all’idea che questi possano tranquillamente transitare nelle tubature del lavandino. Un cibo semplice come un torsolo di mela, ad esempio, potrebbe causare un’importante ostruzione del tubo e, di conseguenza, l’intasamento del lavandino.

3. Usa un tappo proteggi lavandino

I tappi proteggi lavandino sono un importante alleato nella cura del lavandino da cucina. Questi, infatti, impediscono il passaggio di elementi indesiderati, che altrimenti andrebbero a depositarsi all’interno delle tubature, ostruendole. Ciò può accadere anche a causa di semplici pezzetti di carta o di adesivi, sfuggiti al controllo umano, ma sufficienti a bloccare scorrimento delle acque, provocando il fastidioso blocco. Lo stesso discorso può essere fatto con riferimento ai gusci d’uovo, anch’essi spesso gettati nel lavello.

4. Proteggi il tuo lavandino dal grasso

Una tra le maggiori cause di intasamento del lavello è, sicuramente, il sedimento di grassi all’interno del tubo. Questo è il risultato di una pratica purtroppo assai comune nelle case, ossia quella di gettare nel lavello residui oleosi e grassi, magari frutto di avanzi di cottura. A lungo andare, però, tale comportamento danneggia il funzionamento del lavello e, come se non bastasse, contribuisce ad innalzare la soglia di inquinamento ambientale.

5. Cura il sifone

In aggiunta ai precedenti consigli, è sempre bene effettuare, periodicamente, un’accurata pulizia del sifone di scarico, attraverso l’impiego di appositi prodotti e, se necessario, procedendo a smontare e pulire lo stesso manualmente.

Se hai dei problemi con il tuo lavello, puoi rivolgerti a Speedy Casa Trieste, ditta specializzata nell’intervento rapido in caso di intasamento. Visita la sezione contatti ed affidati ad esperti del settore.

Share This